Definizioni:

Denominazione definizione
OLI DI OLIVA VERGINI
Olio extra vergine di oliva
Olio d’oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici
Olio di oliva vergine
Olio di oliva ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici
Olio di oliva lampante
OLIO DI OLIVA RAFFINATO
Olio di oliva ottenuto dalla raffinazione di olio di oliva vergine
OLIO DI OLIVA
COMPOSTO DI OLI DI OLIVA RAFFINATI E OLI DI OLIVA VERGINI
Olio di oliva ottenuto dal taglio di olio di oliva raffinato con olio di oliva vergine diverso dall’olio lampante
OLIO DI SANSA DI OLIVA GREGGIO
Olio ottenuto dalla sansa d’oliva mediante trattamento con solventi o mediante processi fisici, oppure olio corrispondente all’olio di oliva lampante.
OLIO DI SANSA DI OLIVA RAFFINATO
Olio ottenuto dalla raffinazione dell’olio di sansa di oliva greggio.
OLIO DI SANSA DI OLIVA
Olio ottenuto dal taglio di olio di sansa raffinato e di olio di oliva vergine diverso dall’olio di oliva lampante

Fonte: elaborazione da REGOLAMENTO (CE) N. 1234/2007 DEL CONSIGLIO del 22 ottobre 2007

Per una panoramica completa sui parametri chimici dell’olio di oliva si rimanda al REGOLAMENTO DELEGATO (UE) 2015/1830 DELLA COMMISSIONE dell’8 luglio 2015

Le varietà mondiali:

Albania:  Kalinjot.

Algeria:   Azeradj, Blanquette de Guelma, Chemlal de Kabylie, Limli, Sigoise.

Argentina: Arauco

Cile: Azapa

Cipro: Ladoelia

Croazia: Lastovka, Levantika, Oblica

Egitto: Aggezi Shami, Hamed, Toffahi

Francia: Aglandau, Bouteillan, Grossane, Lucques, Picholine Languedoc, Salonenque, Tanche

Giordania: Ras’i

Grecia: Adramitini, Amigdalolia, Chalkidiki, Kalamon, Konservolia, Koroneiki, Mastoidis, Megaritiki, Valanolia.

Israele: Barnea, Kadesh, Merhavia.

Italia: Ascolana Tenera, Biancolilla, Bosana, Canino, Carolea, Casaliva, Cassanese, Cellina di Nardò, Coratina, Cucco, Dolce Agogia, Dritta, Frantoio, Giarraffa, Grignan, Itrana, Leccino, Majatica di Ferrandina, Moraiolo, Nocellara del Belici, Nocellara Etnea, Ogliarola Barese, Oliva di Cerignola, Ottobriatica, Pendolino, Pisciottana, Pizz’e Carroga, Rosciola, Santa Caterina, Sant’Agostino, Taggiasca. 

Iugoslavia R.F: Žutica

Libano: Soury

Marocco: Haouzia, Menara, Meslala, Picholine marocaine.

Palestina: Nabali Baladi.

Portogallo: Carrasquenha, Cobrançosa, Cordovil de Castelo, Branco, Cordovil de Serpa, Galega Vulgar, Maçanilha Algarvia, Redondal. 

Siria: Abou-Satl, Doebli, Kaissy, Sorani, Zaity.

Slovenia: Banchera.

Spagna: Alfafara, Aloreña, Arbequina, Bical, Blanqueta, Callosina, Carrasqueño de la Sierra, Castellana, Changlot Real, Cornicabra, Empeltre, Farga, Gordal del Granada, Gordal Sevillana, Hojiblanca, Lechín de Granada, Lechín de Sevilla, Loaime, Lucio, Manzanilla Cacereña, Manzanilla de Sevilla, Manzanilla Prieta, Mollar de Cieza, Morisca, Morona, Morrut, Palomar, Picual, Picudo, Rapasayo, Royal de Cazorla, Sevillenca, Verdial de Badajoz, Verdial de Huevar, Verdial de Vélez-Málaga, Verdiell, Villalonga.

Stati Uniti: Mission

Tunisia: Chemlali de Sfax, Chétoui, Gerboui, Meski, Oueslati.

Turchia: Ayvalik, Çekişte, Çelebi, Domat, Erkence, Gemlik, Izmir Sofralik, Memecik, Memeli, Uslu.

Le DOP E IGP:

Nel panorama oleario europeo l’Italia vanta il maggior numero di oli di oliva DOP, 42,  a cui si aggiungono 5 IGP.

Qui di seguito una classificazione per regione delle DOP e delle IGP